Vai al menù principale |  Vai ai contenuti della pagina
Amministrazione Trasparente

icoIn primo piano

icoAree Tematiche

icoServizi OnLine

icoAltri Servizi

Seguici su Facebook
Dimensione testo:
     

GUIDA AI SERVIZI

CREMAZIONE

Questo servizio è stato letto 8267 volte
Visualizza le news dell'area: Demografici ed elettorale
Visualizza la scheda: DEMOGRAFICI: ANAGRAFE - STATO CIVILE - ELETTORALE (Area Amministrativa e servizi alla persona)
Questo servizio è collegato ai seguenti Eventi della vita: Perdere un familiare, Stato civile

L'autorizzazione alla cremazione deve essere rilasciata dall'Ufficiale dello Stato Civile del Comune in cui è avvenuto il decesso.
Le ceneri della salma cremata sono raccolte in un'urna cineraria sigillata che può essere conservata in un ossario, o cinerario acquistato dalla famiglia o in un loculo acquistato in precedenza. Inoltre possono essere inumate all'interno di appositi spazi nei cimiteri comunali, disperse in natura o conservate a casa.

Oltre alla cremazione della salma è possibile anche la cremazione di salme non decomposte, in seguito ad esumazione o estumulazione ordinaria

A CHI RIVOLGERSI:
DEMOGRAFICI: ANAGRAFE - STATO CIVILE - ELETTORALE (Area Amministrativa e servizi alla persona)
Tel: 0331.460461 - opzione 1
Fax: 0331.461448
Email: anagrafe@comune.arconate.mi.it - elettorale@comune.arconate.mi.it
COSA OCCORRE:

Esistono tre modalità per esprimere la propria volontà alla cremazione:
- Si dispone per iscritto la propria volontà testamentaria, con atto di notaio pubblico, con atto di notaio segreto o con testamento olografo;
- La volontà ad essere cremati viene espressa ai parenti in primo grado i quali, dopo la morte dell'interessato, provvedono a segnalare tale volontà, facendo una dichiarazione presso l'Ufficio di Stato Civile
- L'interessato può iscriversi ad una società di cremazione. In questo caso, dopo la morte, è sufficiente che l'impresa di pompe funebri si metta in contatto con l'associazione, che provvederà a far pervenire la dichiarazione sottoscritta di proprio pugno dall'associato.

COSTI:


NORME COMUNALI O SUPERIORI:

D.P.R. del 3 Novembre 2000, n° 396.

D.P.R. del 10 Settembre 1990, n° 285.

Regolamento Regionale del 9 Novembre 2004, n° 6.